nura crea, handmade, sardegna, mamuthones, storia, tradizione, abiti tradizionali, sposini

Visualizzazione post con etichetta tradizione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta tradizione. Mostra tutti i post

venerdì 25 gennaio 2013

Si salvino i Maestri come beni immateriali. Ma cosa e' un Maestro?



Da un po' di tempo in facebook gira e rigira un link un po' insolito che ha attirato la mia attenzione. Come tanti ormai, non leggo gli inviti che mi vengono indirizzati. Un po' perche' il tempo ha i suoi limiti e un po' perche' la varieta' di eventi piu' o meno interessanti sta diventando incontrollabile e inutile e distratta la conferma di partecipazione da parte delle persone. 
Ma questo invito e' arrivato per vie traverse attirando la mia attenzione.
Si, perche' si trattava di una petizione indirizzata al presidente della Repubblica Italiana e subito mi sono chiesta che cosa potessi chiedere io ad un rappresentante di una statalita' cosi' distante da me e dal mio mondo. 
Vado avanti un po' confusa e capisco subito che si tratta di una cosa importante. 

Presidente della Repubblica Italiana: Si salvino i Maestri come beni immateriali. 

La parola Maestro riporta subito alla mente una foto scattata nel Museo del Bisso a Sant'Antioco. Uno scritto, tra le tante cose da scoprire recita la definizione di Maestro, poco chiara ai piu', sopratutto a chi ha volutamente confuso le acque forse nel tentativo di ridurre il tutto a una lontana memoria storica.



Ma memoria lei non è, Chiara Vigo, Maestro di Bisso Marino e tessitura antica. E' viva e non smette mai di Essere e di Tessere per noi ogni minuto della sua giornata. Non e' memoria storica anche se qualcuno la vorrebbe, ma e' veicolo di memoria storica e antichi saperi tramandati dalla notte dei tempi. E' a tutti gli effetti un bene immateriale perche' non si compra e non si vende, ma tutti possono accedere ai suoi saperi. E' li' per noi, pronta ad insegnare quello che noi andiamo a cercare nei libri o in poco stabili corsi a pagamento. 
Tutti i giorni accoglie curiosi, appassionati e amici da tutto il mondo senza mai nulla chiedere. Tutti i giorni accoglie chi arriva nell'Isola per capirla e ad essi da le risposte che cercano, semplicemente perche' quello è il suo ruolo. Non è il mio, non e' quello di un altro. E' il suo, e come tale va rispettato nel senso piu' profondo del termine. Non c'e' nessuna gara, nessun sotterfugio, nessun aiuto. E' forse la cosa piu' pulita e vera che si possa immaginare. Lei è. Punto. Con tutta la naturalezza possibile.     


"Questo è Quanto mi piace che sia.....e non voglio Altro che poter serenamente continuare la Strada che ho scelto a 27 anni.....Quando dei Maestri si aveva ancora rispetto e stima....Tutti secondo il loro potere e volere contribuivano a che un Maestro potesse Esserci e insegnare quanto di serio e profondo si potesse scegliere.....poi il caos."

Quello che non è naturale è che a noi non freghi un fico secco.
Sopratutto a noi, giovani d'oggi.  

Quanti di noi ne conoscono l'esistenza perche' ci e' stato insegnato a scuola? 
Quanti di noi conoscono a fondo la sua storia e non si fermano al sentito dire?
Quanti di noi sono mai andati al museo del bisso? 
Quanti di noi sanno quanto è antica l'arte del bisso?
Quanti di noi sanno che Chiara Vigo è conosciuta e rispettata in tutto il mondo?
Quanti di noi si sono mai chiesti come sta?

Bene.
Per rispondere a tutte queste domande non c'e' che un modo e Sant'Antioco è dietro l'angolo quasi per tutti. 
Per gli altri è sufficiente scrivere il suo nome su google e iniziare a stupirsi pr i risultati che si ottengono dall'America al Giappone. 
Per facilitare la ricerca :



La petizione invece riguarda la possibilita' di una tutela da parte dello Stato di un bene immateriale che evidentemente non siamo in grado di tutelare da soli. 
Esiste Italia infatti una legge che permetterebbe in caso di necessita' l'utilizzo di un fondo a favore di cittadini che abbiano dato lustro alla nazione. (Chiara Vigo è stata nominata commendatore della Repubblica se fosse necessario definirla con un titolo) 

e la trovate qui: 
petizione

per chiarire i vostri dubbi sulla petizione invece la nostra Manuela ha aperto un evento su facebook:
legge bacchelli per chiara vigo

Non smettiamo mai di informarci, ma accorgiamoci anche di quello che ci è piu' vicino. 



Buona Lettura. 
Nura Crea. 

martedì 13 novembre 2012

Per una volta voglio dirlo io cosa dicono di Nura Crea...


Si. Per una volta voglio dirlo io. 

Lascio da parte la modestia che mi porterebbe a non scrivere in prima persona di questo argomento perche' ieri è arrivato uno di quei complimenti che ti fanno rizzare la pelle sulla schiena dall'emozione, indipendentemente da chi sia l'oggetto del complimento.

Mi scrive una ragazza francese conosciuta per caso su Facebook e capitata per caso nel mio profilo, che ha mostrato da subito entusiasmo e apprezzamento per le mie creazioni. 

Mi confida poi che le sue origini sono sarde e che il nonno, originario di Lula, ha dovuto lasciare la sua amata Sardegna per cercare un posto dove vivere all'estero ma che come tanti sardi ha trovato " esilio, sfruttamento e razzismo" e mai ha dimenticato la sua Isola nella vita e nella morte.
Lei mette piede in Sardegna per la prima volta a 30 anni e da quel giorno, tutti gli anni, viene a trovarla, quasi come fosse chiamata a farlo.

Una volta in Sardegna pero' si e' resa conto della mancanza di oppurtunita' e di speranza nel futuro per i giovani e non riesce a sopportarlo, perche' dice -non e' cambiato nulla dai tempi di mio nonno.


Il messaggio, scritto in Inglese, mi ha emozionata oltre modo.


" Trovo il tuo lavoro molto bello, non solo perche' produci cose carine, ma perche' produci cose intelligenti. Stai lavorando in una direzione dove dovrebbe andare l'artigianato sardo. Sono convinta che "la piu' bella isola del mondo" ha molto da mostrare agli altri Paesi, ma non solo spiaggie, mare e scenari meravigliosi da vacanza...  
I Sardi possiedono ancora quel savoir-faire di sempre e hanno delle abilita' che oggi, guardati intorno nel mondo, stanno sparendo. Questa e' una delle cose piu' terribili che oggi sta accadendo e i nostri figli non avranno piu' la capacita' di usare le mani.... 
Devi mostrarti e farti conoscere perche', scusami, ma la maggiorparte delle persone qui in Francia non fa alcuna differenza tra Corsica, Sardegna o Sicilia e credo sia lo stesso per molte persone nel resto del mondo.  Ci sono molte ragioni per spiegarlo ma credo perlopiu' che i sardi siano stati tenuti nascosti al resto del mondo. E' ora di uscire fuori! 
E' difficile ma oggi grazie ai media e' possibile. 
Ti auguro di avere successo nel tuo progetto e supporto il tuo operato. 
Scusa per la lunghezza del messaggio. Sarei potuta andare avanti ...

"Courage!"



In Sardegna dice poi - dovreste puntare sulla Cultura e le Tradizioni uniche di cui siete ricchi!


Dovete fare come Ulysse! - mi dice - Guardare, Prendere e Ritornare ..."


Qui mi sono commossa davvero
e ho sperato che una lettera simile potesse arrivare ad ogni giovane sardo che ha deciso in qualche modo di provare a riscoprire e divulgare la nostra Tradizione e che anche solo un Sardo leggendole possa sentirsi orgoglioso di Essere.


Maschere di Mamuthones. 
Nura Crea. 


lunedì 5 novembre 2012

In casa Nura uno scacciaspiriti tutto sardo!


Uno scacciaspiriti tutto sardo. 

nura crea, scacciaspiriti, mamuthones

E non poteva che essere sardo il nuovo scacciaspiriti nato in casa Nura. La forza motrice è ancora una volta il Mamuthone, figura emblematica e assolutamente affascinante nella tradizione Sarda. 


Protettore del seminato e del raccolto futuro, ci protegge  dagli spiriti maligni.


Per noi, il simbolo di una cultura antica schiacciata dalla civilizzazione forzata subita da quest'Isola Felice. 


nura crea, scacciaspiriti, mamuthones
 Attraverso i secoli e le religioni prima, e sopraffatti dalla modernita' poi, abbiamo perso parte della nostra memoria storica e culturale. Niente è riuscito a cancellare però la simbologia che ha accompagnato millenni di tradizione.

La Sardegna è e rimarra' sempre un mistero nella Storia finche' continueranno ad esistere guerrieri quattrocchi e quattrobraccia. La Sardegna è e rimarra' sempre una societa' matriarcale finche' dee madri di ogni peso e forma continueranno a riemergere dalla terra per ricordarci il nostro posto. La Sardegna rimarra' sempre Sardegna finche' ci sara' l'ultimo mammuthone a proteggerla.





Spuntano Mamuthones ovunque...


nura crea, scacciaspiriti, mamuthonesnura crea, scacciaspiriti, mamuthones







Grandi e piccoli...

nura crea, scacciaspiriti, mamuthones


nura crea, scacciaspiriti, mamuthones

Tutto inizia dalla base in legno, tagliata su misura, levigata e dipinta a mano in casa Nura, poi assemblata nella forma di una stella ad otto punte a rappresentare il ciclo naturale delle cose scandito dai principali riti di una coscienza antica.


Poi le maschere e le pietre vengono armonizzate nel cerchio formato dai sedici fili. Le maschere grandi e piccole per scacciare gli spiriti maligni e il luccichio delle pietre per avvicinare e rassicurare le anime buone.





Il blu del Mare, il rosso della Terra a formare due cerchi che chiudono il Mamuthone. 

nura crea, scacciaspiriti, mamuthones



                                                    
                                           Mai uno sara' uguale all'altro 



nura crea, scacciaspiriti, mamuthonesnura crea, scacciaspiriti, mamuthones























Nemmeno l'ombra....

nura crea, scacciaspiriti, mamuthones

Nura Crea. Scacciaspiriti Mamuthones fatti a mano.

Vedi anche : scacciaspiriti fatto a mano: la ruota del Tempo.

sabato 20 ottobre 2012

Abito Tradizionale di Tonara e la tintura naturale.


Abito Tradizionale di Tonara

abito tradizionale tonara nura crea


Il colore prevalente dell'abito è il rosso che veniva ottenuto attraverso un procedimento naturale di tintura, cosi' come eravamo soliti fare qui in Sardegna e cosi' come ancora qualcuno decide di fare. . Il rosso e tutte le sue varianti (fino al rosa antico) a Tonara veniva regalato dalle radici di un erba selvatica, s'orighedda. In italiano la Robbia. 


Il rosso e il nero dell'abito  fanno presupporre le sue origini particolarmente antiche. 


Un fuso per ricordare le sue origini totalmente artigianali e autoctone. 


abito tradizionale tonara nura crea


abito tradizionale tonara nura crea



abito tradizionale tonara nura crea

Nura Crea. Abito Tradizionale di tonara su pietra. Fatto a mano.  

venerdì 5 ottobre 2012

Halloween? No grazie. In casa Nura si dice Sas animas !


La fine di Ottobre rappresenta il passaggio tra la stagione solare e quella delle tenebre, tra la luce e il buio. Quando ancora eravamo legati ad una societa' basata sull'agricoltura sapevamo benissimo che terminati i raccolti e riportato le greggi verso casa, era giunto il tempo di stringerci attorno al focolare domestico e raccontarci tante storie. 
Questa ricorrenza in Sardegna veniva e viene tutt'ora celebrata sotto il nome di Sas Animas
(in qualche paese anche su Mortu Mortu, Is doppiadoris, is Frakkeras...), quella che per i celti è Shamain.  

Per tradizione il primo Novembre, nella stanza principale della casa,  veniva accesa una lampada ad olio per ogni caro defunto e si lasciava libero accesso alle scorte di cibo. Si prediligevano pere, castagne (come simbolo di rinascita) , il pane, l'acqua. La mattina seguente all'alba veniva celebrata la messa e i piu' giovani chiedevano di casa in casa is panixeddas, panificati il giorno della vigilia.
Si pensava che essi si sarebbero cibati e rifocillati prima di ritornare nell'altro mondo. 

sas animas nura crea

E' bello pensare che c'e' stato un tempo in cui le porte tra il nostro mondo e quello degli spiriti erano aperte e in continua comunicazione, e nella notte magari avevi la fortuna di incontrare qualche jana...
E poi dopo tutta questa magia.... e' arrivato Halloween! Ma Halloween...... itta e? direbbe mia nonna,,, 

Halloween è una tradizione prettamente americana e canadese trasformata in festa commerciale e sopratutto internazionale. La festa (di origini antiche e europee) fu supportata nei secoli per eliminare la tradizione pagana e offerta ai cristiani martiri. I nomi vennero adattati e modificati sino all'odierno Halloween. 

E noi che abbiamo fatto? Abbiamo lasciato da parte la magia, il mistero e l'unicita' e ci siamo totalmente immersi nella ricorrenza commerciale, di cui magari non conosciamo nemmeno piu' l'origine. 

Sarebbe bellissimo se a scuola i bambini potessero imparare queste tradizioni e poter scegliere, a differenza nostra,  sarebbe bello se da quest'anno tutti iniziassimo a chiamare le cose con il loro nome, noi ci stiamo provando,  e sarebbe bello vedere bambini mascherati da elfi e janas anziche' da personaggi hollywoodiani. Sarebbe magico.
Invece è Halloween. 

maistas de mexina nura crea


" Deus si du paghet" . "Deus paghet tottu".

Fonti: Federico Melis, i riti del fuoco. Tratto da Shardana i calcolatori del tempo. Leonardo Melis. 

lunedì 20 agosto 2012

Chiara Vigo. Maestro di Bisso.


La mia Esperienza con l'oro del mare è iniziata quando ero piccola, attraverso i racconti a casa. 
Mi raccontavano di un Maestro che si immergeva nelle acque di S.Antioco per accarezzare le nacchere che producono il bisso e portare con se un po' di questo. Una volta a casa il bisso veniva trasformato in seta dorata che luccicava al sole tanto da poter accecare qualcuno. 
Una volta ricamato, quelle vesti erano destinate a vestire Donne e Uomini importanti dalla notte dei tempi. 

chiara vigo bisso nura crea

Sono cresciuta lontana dal mare, quindi per me era tutto tanto magico e lontano come in una fiaba. Ma la parte che mi incuriosiva di piu' era pensare che quel Maestro... era una Donna!
Avro' chiesto decine di volte perche' non si chiamava maestra. 
L'ho capito poi piu' avanti.


Ho dovuto aspettare diverso tempo prima di incontrare il Maestro. Non sono mai andata a trovarla perche'  per me era come un racconto sulle janas, era magico. Non e' che poi vai subito a cercare le janas....  


Poi quest'inverno la libreria Murru e le Sorelle Ariu, hanno organizzato un bellissimo incontro con Chiara Vigo, il Maestro di Bisso. Era il momento! 
 Ho preso una delle mie brebi' e ho pensato di trovare il coraggio di dargliela. 


Non so per voi, ma per me... e' stato come incontrare le janas! 


Alla fine dei suoi racconti ho ricevuto un altro dono. Ho avuto la fortuna di essere la piu' giovane in sala e ora ho anche io il mio filo di bisso! Dopo tutto il rituale il filo è rimasto nel mio dito con la promessa che riportandolo al Museo del Bisso prima del matrimonio o prima della nascita di mio figlio, potro' ricevere un dono ricamato in bisso. E' rimasto sotto vetro nel tentativo di proteggerlo come se fosse stata una cosa personale. Come se fosse mio. 

E' arrivato il momento di portarlo sempre con me e farlo vedere a tutti, tanto sono sicura che non lo perdero'!

chiara vigo bisso nura crea

Le sue parole sono state forti il giorno alla libreria. Sono di quelle parole che ti rimbalzano in testa e non te ne liberi facilmente.  Il bisso è un bene di tutti e nessuno se ne occupa. Nessuno lo protegge. Abbiamo tutti il dovere di proteggere quei racconti cosi' che anche i nostri figli possano ascoltarli!


Purtroppo pero' come sempre, le cose non vanno come dovrebbero andare e il Museo del Bisso, Chiara Vigo e la Pinna Nobilis sono attualmente snobbati da chi di dovere come tutte le cose che contano qui in Sardegna. Cosi' con l'aiuto di Arianna ho potuto spedire la mia lettera alle istituzioni sperando che forse unendosi alle altre possano fare peso nella coscienza di qualcuno...


Egregio Signor Sindaco 
Mario Corongiu

e p.c. al Vice Sindaco Carmine Puddu
          al delegato alla Cultura Turismo e Spettacolo Marco Massa
          al Segretario generale Rosella Littarru
          al Responsabile del Servizio Cultura Antonella Serrenti
          al Responsabile del Servizio Finanziario Paolo Pilia

Oggetto: Manutenzione dei locali "Museo del Bisso"

La sottoscritta ............, nata a ............ in data ......., residente a ........, presso il domicilio sito in ............., chiede alle SS.VV. di provvedere a regolarizzare con sollecitudine la situazione del Museo del Bisso avente sede nei locali "Montegranatico" a Sant'Antioco, affidati in concessione d'uso gratuito al Comm. Chiara Vigo, come da deliberazione numero 241 del 30/12/2010 e precedenti.
Nel venir meno all'adempimento degli accordi contrattuali, si sta causando un danno irreparabile all'immagine, all'indotto turistico ed economico del Sulcis Iglesiente, della Sardegna e dell'Italia tutta.

Frequentando i suddetti locali, difatti, ho potuto constatare personalmente che:
le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria non vengono regolarmente svolte;
l'illuminazione è inadeguata o spesso assente;
i servizi igienici sono inagibili;
sono presenti barriere architettoniche;
non è presente un impianto di aria condizionata funzionante, necessario ad evitare il verificarsi di malori tra gli ospiti durante la fruizione del servizio offerto gratuitamente alla comunità dal Maestro Chiara Vigo. 

Quale cittadina attenta alle tematiche inerenti la valorizzazione del patrimonio culturale, esorto le SS.VV. a provvedere al più presto a patrocinare il suddetto bene comune, stando a quanto stabilito in convenzione di cui sopra.
Se ciò non dovesse avvenire in tempi brevi, mi vedrò costretta ad allertare le autorità, la popolazione, i mezzi stampa nazionali e internazionali, in modo tale da sensibilizzare l'opinione pubblica riguardo la situazione di degrado in cui versa il patrimonio immateriale rappresentato dal Maestro Chiara Vigo.

In attesa di un Vostro riscontro, porgo i più distinti ossequi.

Caro sindaco di S. Antioco... la mia lettera sta arrivando.


Se non sai cos'e' il Bisso
Cerca Chiara Vigo su qualsiasi motore di ricerca
o in
Noi e gli Altri

domenica 15 aprile 2012

Maistas de Mexìna : profumi di Sardegna




          Maistas de mexina è una linea dedicata ai profumi di Sardegna. Profumi di erbe antiche, profumi di pietre, profumi di stoffe....


maistas de mexina nura crea

                 Il sapone artigianale e naturale porta il marchio Limpius.

maistas de mexina nura crea

                  I lavori di sartoria sono stati realizzati da Emporio Tabita

maistas de mexina nura crea



maistas de mexina nura crea




Buona Sera a...

Nura Crea Feed inserisci la tua email