nura crea, handmade, sardegna, mamuthones, storia, tradizione, abiti tradizionali, sposini

giovedì 2 agosto 2012

Ma dove sono i giovani sardi? Eccoli!

Ma dove sono i giovani sardi? Ci si chiede... Perche' non sono in piazza insieme alla vecchia generazione battagliera a protestare contro un sistema che non va? Perche' accettano silenziosi l'inaccettabile? Non lo fanno, anzi l'inaccettabile lo cambiano.

E' gia' da un po che molti giovani nell'Isola non si interessano di politica, qualcuno non l'ha mai fatto, altri ci hanno provato e sono rimasti delusi. Non urlano in piazza e non si fidano di nessuna bandiera, fatta eccezione per quella della loro Terra. Passano ore nei social network e si capiscono solo tra di loro, perche' non c'e' nessuno che li rappresenti. Ma, in sostanza .... che fanno?

Al contrario di quel che si pensa, una parte di loro si rimbocca le maniche per cambiare il proprio futuro disastroso lasciato in eredita' da quella generazione battagliera, anzi, per crearsene uno. In questi mesi ho avuto modo di incontrare persone splendide per le quali il coraggio e la determinazione sono tutto. Si fanno forza e tentano le strade piu' tortuose per respirare e per farlo iniziano a creare una rete. Grazie ai maledetti social network ci si puo' incontrare anche se a dividerci e' l'intera Sardegna e magicamente una titolare di azienda agricola bio, un'artigiana, una titolare di b&b, una pasticcera, una panettiera, una guida turistica, una fotografa, una scrittrice e ..chi piu' ne ha piu' ne metta, possono collaborare! Collaborare si, parola temuta sino a qualche anno fa e che ora sta al primo posto delle regole del mercato.Collaborare, barattare, scambiare, supportare... 

 Il posto fisso è una chimera? perfetto, e chi lo vuole! C'e' chi sogna altro nella vita e lo sogna ad occhi aperti, tassello dopo tassello, speranza dopo speranza e muro dopo muro. Cosi' la prossima volta che vi chiedete dove sono i giovani sardi, provate a cercarli nell'artigianato, nella cassettina di frutta km zero, nell'ultimo libro di una piccola casa editrice, nei dolci della piccola pasticceria che lotta per sopravvivere tutti i giorni, nella bella foto pubblicata sul giornale, nella guida turistica che nessuno vi segnala... 

Cercate i giovani sardi, non aspettano altro! e non preoccupatevi, non stanno tutti aspettando fermi l'ascensione di Dicembre 2012!


giovani sardi disoccupazione lavoro

5 commenti:

  1. Bellissimo messaggio:) Lo segnalo nel mio blog :) Anche io sono una giovane sarda che cerca disperatamente una collaborazione che pare un'utopia...Anche leggere un blog ora è diventato "Troppo noioso" per tanti, che si perdono in piccolezze e non vedono che il futuro è nelle proprie mani! Un futuro splendido socialmente ed economicamente!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capito oggi sotto il tuo commento di tanti giorni fa :)

      Elimina
  2. Complimenti per il post! Chiaro, immediato e propositivo! è vero, c'è una generazione che si muove, diversa da quella immobile dipinta dai media e dalle statistiche. Ma bisogna raccontarlo, per iniettare positività in un mondo dagli scenari incerti!
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' esattamente quello che pensiamo! Finche' tutti parlano di influenza non c'e' uno che riesca a guarire! Pian piano qualcuno invece sta sconfiggendo il virus in modo definitivo....dall'interno! E inizia persino a rispondere "bene!" alla domanda...come stai? :D

      Elimina

Buona Sera a...

Nura Crea Feed inserisci la tua email